Fra il vizio e la virtù

162

 Ora in sul destro, ora in sul manco piede
variando, cerco della mie salute.
Fra ‘l vizio e la virtute
il cor confuso mi travaglia e stanca,
come chi ‘l ciel non vede,
che per ogni sentier si perde e manca.
Porgo la carta bianca
a’ vostri sacri inchiostri,
c’amor mi sganni e pietà ‘l ver ne scriva:
che l’alma, da sé franca,
non pieghi agli error nostri
mie breve resto, e che men cieco viva.
Chieggio a voi, alta e diva
donna, saper se ‘n ciel men grado tiene
l’umil peccato che ‘l superchio bene.

Il vostro Michelangelo Buonarroti, stanco ma mai domo

33878dd0468c05fdd5b776935b3637fc

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...