Vai al contenuto
Annunci

Ferito e morto

23

    I’ fu’, già son molt’anni, mille volte

ferito e morto, non che vinto e stanco

da te, mie colpa; e or col capo bianco

riprenderò le tuo promesse stolte?

    Quante volte ha’ legate e quante sciolte

le triste membra, e sì spronato il fianco,

c’appena posso ritornar meco, anco

bagnando il petto con lacrime molte!

    Di te mi dolgo, Amor, con teco parlo,

sciolto da’ tuo lusinghi: a che bisogna

prender l’arco crudel, tirare a voto?

    Al legno incenerato sega o tarlo,

o dietro a un correndo, è gran vergogna

c’ha perso e ferma ogni destrezza e moto.

michelangelo-aurelio-amendola-giuliano2

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: