Vai al contenuto

Soffrivo di calcoli renali

I calcoli renali per anni mi hanno tormentato. Ai miei tempi si chiamava il male della renella ma sempre di calcoli si trattava. Ci furono un paio di momenti particolarmente difficili durante i quali non potetti fare a meno di fermarmi e interrompere momentaneamente i lavori agli affreschi della Cappella Paolina.

Annunci

Prima giugno del 1544 e poi nel gennaio del 1546, la situazione precipitò. Non fu più sufficiente farmi coraggio da solo e stringere i denti.

Il mio fidato amico Luigi del Riccio, con la sua benevolenza quasi materna, mi convinse a farmi curare perbenino. Mi portò fino al palazzo Strozzi-Ulivieri, in via dei Banchi Vecchi a Roma affinché potessi riposare senza scusa e riprendermi da tante fatiche.

Luigi del Riccio era l’agente del Banco degli Strozzi a Roma ma era anche colui che sbrigava per me un po’ tutte le faccende, anche quelle più minute. Se non ci fosse stato il del Riccio avrei sicuramente campato meno. In una lettera Luigi del Riccio rese noto a Roberto Strozzi che in quel momento si trovava a Lione la situazione “Messer Michelagnolo Buponarroti si rtova malato grave, et ho fatto tanto che è venuto qui in casa, dov’è visitato da tutta Roma; et il Papa e Farnese ci mandano ogni dì. Harò caro che Vostra signoria mi scriva un capitolo da mostrarli”.

Annunci

Riccio preoccupatissimo per la mia sempre più cagionevole salute, informò anche Giovan Francesco Fattucci a Firenze, prete di Santa Maria Novella nonché amico mio.

Fattucci appena ricevette la notizia scrisse al mi nipote Lionardo per farlo correre a Roma al mio cospetto: “charissimo Lionardo, io ò auto una da Luigi del Ricchio de ‘5 di questo dello essere migliorato Michelangelo. Io gli ò risposto et l’ho ringraatiato della buona nuova et dello avere usata tanta charità et faticha di avere tenuto in casa uno malato di tanta importanza che se fussi stato a casa sua, tanto discosto da’ medici, non sarebbe stato curato né governato con tanta diligentia come è stato… Sì che vallo a trovare et fagli honore”.

Leonardo s’incamminò subito alla volta di Roma ma il suo arrivo senza preavviso non mi garbò tanto. Pensavo fosse venuto a trovarmi solo per assicurarsi l’eredità e lo cacciai via in malo modo.

L’arrabbiatura poco durò e pochi mesi dopo già ero di nuovo in buoni rapporti col mio nipote prediletto.

I problemi di renella o di calcoli renali come li chiamate voi non terminarono dopo la fase più acuta ma proseguirono per il resto della vita. In una lettera che scrissi al mi nipote Lionardo il 2 maggio del 1548 scrissi:

Io son stato a questi dì molto male per non potere orinare, perché ne son forte difectoso, pure, adesso sto meglio: io te lo scrivo, perché qualche cicalone non ti scriva mille bugie per farti saltare

Per il momento il sempre vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

21 maggio 1972: l’album fotografico a 50 anni dall’attentato alla Pietà Vaticana

🇮🇹Sono ormai trascorsi esattamente cinquant’anni da quando il trentaquattrenne australiano Lazlo Toth inveì con una mazzetta sopra la Pietà Vaticana e per l’occasione voglio proporvi alcune delle immagini più significative di quel momento ma non solo…
🇬🇧 Exactly fifty years have now passed since the thirty-four-year-old Australian Lazlo Toth railed with a bribe over the Vatican Pietà and for the occasion I want to offer you some of the most significant images of that moment but not only …

La malinconia che pervade le opere mie

🇮🇹Avete mai fatto caso a quella malinconia che pare pervadere l’intimo di molte mie opere? Molti disegni, sculture e affreschi hanno volti permeati da uno stato d’animo di vaga tristezza.
🇬🇧Have you ever noticed that melancholy that seems to pervade the depths of many of my works? Many drawings, sculptures and frescoes have faces permeated with a mood of vague sadness.

La Madonna del Latte del Rossellino che nessuno guarda…o quasi

🇮🇹Proprio davanti alla mia tomba monumentale, nella Basilica di Santa Croce, c’è un’opera straordinaria di Antonio Rosellino che in pochi ahimè degnano d’uno sguardo: è la Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?

🇬🇧Right in front of my monumental tomb, in the Basilica of Santa Croce, there is an extraordinary work by Antonio Rosellino which, alas, few deserve a glance: it is the Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: