Skip to content
Annunci

La mia spiritualità e le distanze prese dalla Chiesa Cattolica

Negli anni di conflitto più duro all’interno della chiesa cattolica dovuti alla riforma luterana, io ero sempre più propenso ad allontanarmi dai fasti cattolici, dai lussi sfrenati di una corte papale senza freni e soprattutto da quella vergognosa pratica che era la vendita delle indulgenze.

Mi avvicinai sempre di più alla corrente degli spirituali, una corrente riformatrice in seno alla curia romana, molto attiva in tutti gli anni Quaranta dei Cinquecento. Questo gruppo sempre più numeroso era formato da artisti, intellettuali come, letterati, poeti come Vittoria Colonna ma anche da personaggi di spicco della chiesa cattolica come ad esempio il Cardinale Morone o il cardinale inglese Reginald Pole. Strinsi una forte amicizia con Vittoria Colonna, la Marchesa di Pescara e fu proprio lei ad aprirmi le porte della dottrina della giustificazione per sola fede. Da quel momento in poi le mie ricerche spirituali non si fermarono più fino al giorno della mia morte tanto ero preso dal tema della salvezza dell’anima.

Benché ostinatamente si continui a dire e a scrivere che fossi un uomo assai tirchio e scorbutico ( beh, tutto sommato un po’ scorbutico lo ero ma avevo le mie ragioni per esserlo con chi non m’andava a genio) iniziai a prodigarmi in elemosine da destinare alle persone più bisognose o ai nobili decaduti che si vergognavano di chiedere aiuto a qualcheduno. Mandavo in avanscoperta il mi nipote Lionardo: lui doveva accertarsi della reale necessità di questa o quella persona, destinatarie del denaro elargito.

Di queste elemosine v’è traccia nello scambio di lettere frequentissimo che sempre ebbi con Lionardo “Quando tu avessi notizie di qualche estrema miseria in qualche casa nobile, che credo ve ne sia, avvisami, e chi; che per insino in cinquanta scudi io te gli manderò che gli dia per l’anima mia. Questi non à nno a diminuir niente di quello che ò ordinato lasciare a voi: però fallo a ogni modo”.

Le mie opere degli ultimi anni, come la Tomba di Giulio II, i due affreschi della Cappella Paolina e molti disegni, hanno molto da raccontare sulla mia fede in Cristo a chi sa osservarli con scrupolosa attenzione.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con le sue opere, i suoi racconti e la sua fede.

crocifisso-questo1

ttg-logo-final-white-backgroundBook a Michelangelo Tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: