Vai al contenuto

Il periodo che stiamo vivendo

Affrontiamo un periodo difficile, complicato e che probabilmente si protrarrà chissà quanto. Ci vuol coraggio, pazienza e sangue freddo anche se qualche volta la pazienza si perde e credete a me che sul tema sono assai esperto e chi ebbe a che far con me secoli addietro ve lo potrebbe testimoniare.

È triste tornare a vedere le strade vuote ma è ancora più triste vedere chi fa orecchi da mercante e si pensa superiore a tutti gli altri, fregandosene delle precauzioni per salvaguardare la salute propria e degli altri.

Ogni disattenzione mia potrebbe costare cara a qualcun altro e viceversa. Siamo tutti sulla stessa scialuppa: o ci salviamo assieme oppure nel gorgo ci finiamo tutti. Nessuno ha il diritto di sentirsi fuori a questo giro.

Per il momento il sempre vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta abbracciandovi. Lo sapete che non sono avvezzo a questi slanci ma il momento è critico e di un abbraccio, seppur dato a distanza, abbiamo bisogno tutti, io per primo.

17 marzo 2020 Roma, il Palazzo Senatorio del Campidoglio illuminato con il tricolore italiano

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5.00 €

Ultimi Articoli

Piazzale Michelangelo e San Miniato diventano patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO

Da oggi 28 luglio 2021 anche Piazzale Michelangelo con le rampe del Poggi, l’Abbazia di San Miniato, la chiesa di San Salvatore al Monte, il giardino delle rose e quello dell’iris fanno parte del patrimonio mondiale dell’umanità.

Il lago di Isola Santa

Un bacino artificiale, tetti di ardesia, casette in pietra e boschi di castagno: è la sintesi di Isola Santa, un borgo suggestivo che sembra uscito da un racconto dei fratelli Grimm.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: