Vai al contenuto

Tag: lettere

La bottega fallita

Il mi babbo e i i miei fratelli volevano aprire  una bottega e indovinate un po’ a chi chiesero le palanche? A me, ovvio. Loro però mica avevano naso per […]

Il Vari che voleva il suo Cristo Risorto

Erano già passati tre anni e sette mesi da quando Metello Vari m’aveva commissionato il Cristo Portacroce da sistemare nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva ma ancora non avevo […]

Non lo potevo licenziare

Questa che vedete a seguire è la lettera che scrissi a Piero Gondi, il 26 gennaio del 1524. Il tema di questo scritto è una questione spinosa relativa a un […]

Quella cassa di disegni

Mi trovavo in quel frangente a Roma e stavo aspettando che m’arrivassero i marmi partiti dall’Avenza. Nemmeno a farlo apposta: che ci fossero stati due giorni di tempo bono di […]

Lionardo preoccupato per l’eredità

S’apprestava l’ora mia. Gli anni a pesarmi sul groppone eran già parecchi e non ero in perfetta forma. Scolpivo continuamente, fino allo sfinimento ma il fisico era stanco più della […]

Le ardite pretese di un tale di Vicenza

Cose strane me ne son capitate assai nel corso degli anni. Sapete, una volta un tale voicentino mi scrisse una lettera: voleva realizzassi per lui un disegno che poi avrebbe […]

A bruciar carte per non finir bruciato

Come in più occasioni vi ho narrato, i disegni che diedi in pasto alle fiamme furono tanti. Chissà, forse in quei roghi bruciai anche lettere che non volevo fossero lette […]

Il babbo mio non stava bene

Domani sarà il compleanno mio… quanti ne ho fatti fino al momento? Tanti ma festeggiati molto pochi, forse nessuno. Quando s’avvicinan le ricorrenze mi prende un po’ di nostalgia per […]