Vai al contenuto

Meraviglie con Alberto Angela: anticipazioni del 18 gennaio 2022

Martedì 18 gennaio 2022 andrà in onda l’ultima puntata di questa serie di Meraviglie, la Penisola dei Tesori condotta da Alberto Angela.

Ancora una volta ci condurrà da Nord a Sud per il Bel Paese a scoprire le bellezze che ci hanno lasciato in eredità i nostri predecessori e abbiamo il dovere di custodire e proteggere per chi verrà dopo di noi.

Alberto Angela a Palazzo della Ragione – Ph. Barbara Ledda
Annunci

Fra le mete protagoniste della puntata ci sarà Padova. Alberto Angela ci condurrà all’interno del Palazzo della Regione, un gioiello architettonico medievale che conserva al suo interno i meravigliosi affreschi di Niccolò Miretto e Stefano da Ferrara.

A seguire entreremo in punta di piedi all’interno della Basilica di Sant’Antonio e della celebre Cappella degli Scrovegni affrescata da Giotto che da poco è stata inserita nell’elenco dei siti patrimonio Unesco assieme agli affreschi del Trecento di Padova Urbis Picta.

Alberto Angela nella Cappella degli Scrovegni
Annunci

Angela ci racconterà anche la storia delle più note università di Padova, dello straordinario Teatro Anatomico a Palazzo Bo e dell’Orto Botanico realizzato durante il Rinascimento e che ancora continua ad essere un importante centro di ricerca e studio.

Il viaggio per le Meraviglie del nostro Paese proseguirà alla volta di Todi. Da Piazza del Popolo a San Fortunato passando per il Tempio della Consolazione. Assieme a lui entreremo anche all’interno della Casa Dipinta, un capolavoro di arte moderna realizzato da Brian O’Doherty.

La Casa dipinta, un capolavoro di arte moderna di Brian O’Doherty.
Annunci

A seguire andremo assieme al noto divulgatore fino a Ercolano e avventurarci fra le Ville Vesuviane del Miglio d’oro. Sapete, a partire dal Cinquecento, lungo la fascia costiera e nell’entroterra nota come zona del Miglio d’Oro, si iniziarono a edificare le splendide Ville Vesuviane. Il viceré spagnolo Don Pedro di Toledo, fra il 1552 e il 1553, mediante la riforma edile di Carlo IV, fino al privilegio di esenzione fiscale del 1767 emanato da Carlo III di Borbone, permise la realizzazione di 130 residenze agricole e estive da sogno, fra le più belle di tutta Europa. Fra quelle più prestigiose ci sono Villa Bruno Prota, Palazzo Vallelonga, Villa del Cardinale e Villa delle Ginestre tanto per citarne solo alcune.

In questa ultima puntata Alberto Angela ci condurrà anche all’interno del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa che si trova fra la periferia di Ercolano e i comuni limitrofi di San Giorgio a Cremano e Portici.

Alberto Angela al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa
Annunci

 All’interno di questo museo gestito dalla Fondazione FS Italiane, è conservata una delle più grandi e importanti collezioni di locomotive, automotrici e cimeli ferroviari provenienti da tutto in continente europeo. Fra questi preziosi cimeli c’è anche la locomotiva che il 3 ottobre del 1839 trainò il treno inaugurale sulla linea Napoli Portici: la Bayard.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Torna visibile il pavimento della cattedrale di Siena

    Torna visibile il pavimento della cattedrale di Siena

    🇮🇹Lo stupefacente pavimento della cattedrale di Siena torna ad essere visibile al pubblico. Realizzato in commesso marmoreo e graffito ha tante storie da raccontare a chi lo osserva: una per ogni tarsia. 🇬🇧The astonishing pavement of the Siena cathedral is once again visible to the public. Made in marble and graffiti, it has many stories to tell to the observer: one for each inlay.

  • La mia ammirazione per la Giunone Cesi

    La mia ammirazione per la Giunone Cesi

    🇮🇹Ecco come ebbi modo di vedere la Giunone Cesi e di innamorarmene la prima volta che andai a Roma… 🇬🇧Here’s how I got to see Giunone Cesi and fall in love with her the first time I went to Rome …

  • La Pietà Vaticana e il mio primo fornitore di marmi

    La Pietà Vaticana e il mio primo fornitore di marmi

    🇮🇹Il mio primo viaggio alla volta di Carrara lo intrapresi nell’autunno del 1497. Avevo 22 anni e fu quello il primo contatto con i luoghi di estrazione dei preziosi marmi che mi servivano per dar corpo alle opere mie. 🇬🇧I made my first trip to Carrara in the autumn of 1497. I was 22 and that was the first contact with the places where the precious marbles that I needed to give substance to my works were extracted.

Annunci

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: