Vai al contenuto

La facciata della Basilica di Santa Croce

La Basilica di Santa Croce mostra a fedeli, visitatori e a chi passa di lì per caso, la facciata che tutti conosciamo solo dalla seconda metà dell’Ottocento.

La storia della facciata di Santa Croce

La famiglia Quaratesi nel Quattrocento volentieri avrebbe finanziato la realizzazione della facciata a atto che il proprio stemma fosse posizionato al centro del fronte principale e potesse essere visto da tutti. Avrebbero affidato il prestigioso progetto architettonico al Cronaca.

Lo stemma della famiglia Quaratesi
Annunci

Fatto sta che i frati francescani non si mostrarono tanto propensi ad accettare la condizione imposta dai Quaratesi e loro di contro, impiegarono i soldi a disposizione per decorare la chiesa francescana di San Salvatore al Monte.

Così Santa Croce rimase a lungo senza facciata. Quella che vediamo oggi né io né altri miei contemporanei ebbero mai modo di vederla. Fu infatti realizzata in tempi relativamente recenti; nel decennio compreso fra il 1853 e il 1863 dall’architetto Niccolò Matas.

Firenze – Basilica di Santa Croce – Prospetto prima del completamento ottocentesco della facciata
Alinari, Fratelli
Annunci

Per realizzare il progetto si ispirò al duomo di Orvieto e al dumo di Siena: le due grandi cattedrali in stile gotico che fecero scuola in Italia e non solo.

Avete mai notato che nel timpano della facciata c’è la stella di Davide? Questo simbolo non propriamente cristiano volle farlo inserire l’architetto Matas, come riferimento alla sua fede religiosa che professava, quella ebraica.

I costi del cantiere furono in gran parte sostenuti da Sir Francis Joseph Sloane, figlio di un facoltoso banchiere e collezionista scozzese che elargì la somma di 358.168 lire. Papa Pio IX donò alla causa 3.133 lire mentre il re Vittorio Emanuele tirò fuori 3.190 lire.

Annunci

Le tre lunette della facciata

Fra le opere più belle che decorano oggi la grande facciata di Santa Croce ci sono le tre lunette sopra i portali che raccontano la Leggenda della Vera Croce. Partendo da sinistra si vede il Ritrovamento della Croce di Tito Sarocchi, il Trionfo della Croce di Giovanni Dupré al centro e la Visione di Costantino di Emilio Zocchi sulla porta santa.

Proprio sul sagrato della basilica, dinnanzi al portone principale, fu sepolto l’architetto Matas dopo esser passato a miglior vita.

La lunetta centrale di Dupré
Annunci

I marmi adoperati

Per rivestire la facciata, Matas scelse marmi pregiati e serpentino arrivati per l’occasione da tutta la Toscana.

I marmi bianchi provenivano da Carrara e dalla Montagnola Senese mentre i rossi da Monsummano e dalla Garfagnana. Il giallo arrivava direttamente da Siena e i verdi dal Monferrato di Prato e dall’Impruneta

Annunci

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Le storie di San Francesco di Giotto nel documentario di Zeffirelli

Se avete una manciata di minuti a disposizione e volete dedicarvi a qualcosa di bello, vi propongo questo interessante documentario dal titolo “Le storie di San Francesco di Giotto”..

Io Canova: la nuova mostra dedicata al genio europeo

🇮🇹In occasione dei 200 anni dalla morte di Antonio Canova, i Musei Civici di Bassano del Grappa ospitano una grande mostra a lui dedicata: “Io Canova, genio europeo”…
🇬🇧On the occasion of the 200th anniversary of Antonio Canova’s death, the Civic Museums of Bassano del Grappa are hosting a large exhibition dedicated to him: “Io Canova, European genius”…

Quando si pensò di mettere il David nella Cappella dei Principi

🇮🇹Sapete che ci fu un momento in cui il David rischiò di essere posto al centro della Cappella dei Principi? Uno smacco per me e pure per i Medici… vi racconto quell’incredibile storia
🇬🇧Do you know that there was a moment when the David risked being placed in the center of the Chapel of the Princes? A setback for me and also for the Medici … I’ll tell you that incredible story

Il Commesso Fiorentino: la storia e le caratteristiche di quest’antica arte

🇮🇹Sembra impossibile che le pietre possano essere adoperate per creare decorazioni così minute e di grande effetto eppure il commesso fiorentino è una sorta di pittura con pietre dure: qualcosa di unico e un vanto tutto fiorentino…
🇬🇧It seems impossible that stones can be used to create such minute and impressive decorations, yet the Florentine salesman is a kind of painting with semi-precious stones: something unique and a Florentine pride…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: