Vai al contenuto
Annunci

Cala la sera: assieme alle luci s’accende la malinconia

Anche per oggi siamo giunti a sera in qualche modo. Asseme alle luci s’accendono i pensieri e non è sempre un bene. Non appena qui in Santa Croce i visitatori finiscon d’andarsene via, cala la quiete. I miei compari delle tombe vicine a volte stan boni, a volte si mettono a intavolare certe discussioni senza capo ne coda. Li guardo e scoto la testa senza proferir parola. Mica ho voglia di immischiarmi in certi argomenti che solo da avvinazzati si possono affrontare. M’apparto e rimugino sulle cose mie. Tiro fori un par di bauli impoverati in cui custodisco disegni e lettere.

Quanto scrissi! Lettere lunghe e lettere corte, tinte dalla rabbia o impregnate d’amore…lettere al mi babbo, ai miei fratelli, al mi nipote, ai collaboratori, al papa di turno, prelati e compagnia bella.

Vero è che son morto ma i turbamenti e i pensieri me li son portati da questa parte dell’esistenza e a volte bruciano ancora certi ricordi, mancano le persone che strinsi al petto… quelle che allontanai no, non mi mancano: dopotutto in qualche modo scelsero loro di allontanarsi con certi comportamenti. Già sapevano che per me poco avrebbero più significato.

Vi auguro un buon proseguimento di serata e scusate questo vecchio brontolone se ogni tanto si lascia andare alle sue malinconie. Guardate che bella questa immagine: la lanterna della Basilica di San Pietro con tanto di palla che volle montare personalmente l’architetto Fontana salendo lassù, a 133 metri d’altezza… la foto è di Nicola Cangioli

f357810c3afbbe83cd0c4d5f8cb6e45b

photo credit Nicola Cangioli

Annunci

3 Comments »

  1. scrivesti rime sublimi in vita che ancora restano nell’aria di chi ne fa lettura e anche la tenerezza delle tue malinconie attuali, silenti ma percepibili, non si può ignorare; la tua anima resta e s’avverte tra i marmi e le tombe che ti circondano. È bello ritrovare i tuoi pensieri, ora più che mai che l’ingegno e la bellezza scarseggiano e tu ben sai… a volte penso a come è stato vivere nella tua brillante epoca, difficile per molti versi, ma con soddisfazioni eterne, proprio il nostro contrario che abbiamo ridondanza di comodità e pochissime soddisfazioni personali, mai eterne. Ammirare una tua opera leggere i tuoi pensieri è respiro di genio passato e di bellezza che resta, per fortuna.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: