Vai al contenuto
Annunci

A me vecchio e grave

 Donn’, a me vecchio e grave,
ov’io torno e rientro
e come a peso il centro,
che fuor di quel riposo alcun non have,
il ciel porge le chiave.
    Amor le volge e gira
e apre a’ iusti il petto di costei;
le voglie inique e prave
mi vieta, e là mi tira,
già stanco e vil, fra ‘ rari e semidei.
    Grazie vengon da lei
strane e dolce e d’un certo valore,
che per sé vive chiunche per le’ muore.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti

792335f9be7aa919b0a5d32f1e3d055e.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: