Vai al contenuto

Il Castello Malaspina di Fosdinovo

In una domenica piovosa in cui a sprazzi fa capolino il sole fra la fitta coltre di nuvole, me ne sono andato fino al Castello Malaspina di Fosdinovo.

Il castello trecentesco, arroccato su uno sperone di roccia, domina dall’alto la cittadina ubicata proprio allo sbocco della Val di Magra e regala una vista impareggiabile sulla costa Tirrenica, distante solo una manciata di chilometri.

Annunci

Il Castello i Fosdinovo fu la principale residenza del marchese appartenente a uno dei rami dei Malaspina dello Spino Fiorito, dal XIV fino al XVIII secolo. Sebbene esistesse già una fortezza di minori dimensioni nel XII secolo, fu ingrandita a partire dal 1340, quando i Nobili di Fosdinovo la cedettero a Spinetta Malaspina.

Nel corso dei secoli la fortezza è stata resa più ricca e abbellita sempre di più divenendo di fatto una dimora gentilizia.

Annunci

All’interno del castello, il percorso di visita si snoda fra sale e salette. La cucina trecentesca con il grande camino è decorata con ceramiche da farmacia del Seicento mentre la supposta Camera di Dante è arredata con il gusto dell’epoca.

Annunci

Che c’entra Dante? Si narra che qui vi abbia soggiornato il Sommo Poeta ma in realtà è una bella leggenda. L’edificazione del castello fu avviata dopo la morte di Dante, avvenuta a Ravenna nella notte tra il 13 e il 14 settembre 1321.

Annunci

Quella di Dante non è l’unica leggenda che ha come protagonista questo castello. Si racconta che la marchesa Cristina Adelaide Pallavicino, consorte di Ippolito Malaspina, era solita ricevere gli amanti nella camera dotata di trabocchetto e, dopo ver soddisfatto le sue foglie, li facesse precipitare nel pozzo pieno di lame con scarico diretto in un canale poco distante.

Probabilmente quel pozzo veniva usato dai marchesi per disfarsi velocemente di nemici politici attirati all’interno del castello con scuse diverse.

Annunci

Si narra che fra le mura del Castello Malaspina si aggiri il fantasma di Bianca Maria Aloisia Malaspina. Lei, innamorata di un giovane stalliere, fu allontanata dal castello e chiusa in convento. Riuscì a scappare e la famiglia la rinchiuse per il disonore in una cella del castello.

Bianca poteva ricevere solo pane e acqua e da li non sarebbe più uscita se non si fosse ravveduta: di nobile stirpe non gli sarebbe stato concesso di vivere il suo amore liberamente. La giovane ragazza morì di stenti. Durante i lavori di ristrutturazione del castello è stato ritrovato lo scheletro attribuibile a una giovane fanciulla all’interno di una stanza dei sotterranei. Che sia stata davvero lei? Chissà.

Annunci

Il salone più affascinante del Castello Malaspina è quello centrale con gli affreschi ottocenteschi di Gaetano Bianchi che celebrano l’amicizia di Dante con i Malaspina.

Annunci

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social. A propositi, se volete vedere altre foto del Castello Malaspina di Fosdinovo, proseguite a scorrere questa pagina.

The Malaspina Castle of Fosdinovo

On a rainy Sunday when the sun peeps out in flashes through the thick blanket of clouds, I went to the Malaspina Castle in Fosdinovo.

The fourteenth-century castle, perched on a spur of rock, dominates the town located right at the mouth of the Val di Magra from above and offers an unparalleled view of the Tyrrhenian coast, only a handful of kilometers away.

Annunci

The Castello i Fosdinovo was the main residence of the marquis belonging to one of the branches of the Malaspina dello Spino Fiorito, from the fourteenth to the eighteenth century. Although a smaller fortress already existed in the 12th century, it was enlarged starting in 1340, when the Nobles of Fosdinovo ceded it to Spinetta Malaspina.

Over the centuries the fortress has been made richer and embellished more and more becoming a de facto noble residence.

Annunci

Inside the castle, the visit route winds through halls and rooms. The fourteenth-century kitchen with the large fireplace is decorated with seventeenth-century pharmacy ceramics while the supposed Dante’s Room is furnished with the taste of the time.

What does Dante have to do with it? It is said that the Supreme Poet stayed here but in reality it is a beautiful legend. The construction of the castle was started after Dante’s death, which took place in Ravenna on the night between 13 and 14 September 1321.

Dante’s is not the only legend that has this castle as its protagonist. It is said that the marquise Cristina Adelaide Pallavicino, wife of Ippolito Malaspina, used to receive lovers in the room with a trap and, after having satisfied her leaves, she made them fall into a well full of blades with direct discharge into a nearby canal.

Annunci

That well was probably used by the marquises to quickly get rid of political enemies attracted to the inside of the castle with different excuses.

It is said that the ghost of Bianca Maria Aloisia Malaspina wanders within the walls of the Malaspina Castle. She, in love with a young stable boy, was removed from the castle and closed in a convent. She managed to escape and her family locked her up for dishonor in a cell of the castle.

Annunci

Bianca could only receive bread and water and she would never leave her if she did not repent: she of noble lineage would not be allowed to live her love of her freely with her. The young girl died of starvation. During the renovation of the castle, the skeleton attributable to a young girl was found inside a basement room. Was it really her? Maybe.

Annunci

The most fascinating hall of the Malaspina Castle is the central one with the nineteenth-century frescoes by Gaetano Bianchi that celebrate Dante’s friendship with the Malaspina family.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Documentario: Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria

    Documentario: Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria

    Se questo pomeriggio piove anche da voi e volete rimanere in casa a guardare qualcosa di bello e interessante, vi propongo questo interessante documentario dal titolo “Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria”.

  • La carta che usavo per disegnare, scrivere lettere e annotare ricordi

    La carta che usavo per disegnare, scrivere lettere e annotare ricordi

    🇮🇹Se è nota la mia dimestichezza nello scegliere i marmi, meno celebre è la mia abilità nell’acquistare la carta che mi serviva quotidianamente per disegnare e scrivere le lettere che inviavo spesso e volentieri a parenti, amici, conoscenti e ai potenti del mondo dell’epoca… 🇬🇧If my familiarity in choosing marbles is known, less famous is my ability to purchase the paper that I needed every day to draw and write the letters that I often and willingly sent to relatives, friends, acquaintances and the powerful of the world of era…

  • 2 dicembre 1804: Napoleone si autoincorona imperatore dei francesi

    2 dicembre 1804: Napoleone si autoincorona imperatore dei francesi

    🇮🇹Era una domenica quel 2 dicembre del 1804, quando Napoleone Bonaparte si autoincoronò imperatore dei francesi nella cattedrale di Notre Dame di Parigi… 🇬🇧It was a Sunday that December 2, 1804, when Napoleon Bonaparte crowned himself emperor of the French in the cathedral of Notre Dame in Paris…

Annunci

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: