Vai al contenuto

La casa della via de’ Martegli non mi piaceva

Il mi nipote Lionardo, dopo tanto discutere, stava per prender moglie. La questione mi stava particolarmente a cuore perché qualche erede l’avrei voluto volentieri.

Oltre a dargli consigli su quale donna fosse meglio per lui, mi interessai all’acquisto di una nuova casa dove far stabilire la nuova coppia.

A Lionardo tanto sarebbe garbata una casa in Via dei Martegli ma non m’andava gran che a genio. Visto che poi la dovevo pagare quasi per intero io, avrò avuto pure il diritto di scegliere una dimora migliore, in una zona più altolocata. A me poco m’importava d’avere una casa in un quartiere raffinato, ma volevo che perlomeno i miei eredi godessero di qualche agio in più.

Annunci

Non è strada per noi” gli scrissi, facendo un tacito riferimento al cognome di famiglia che pure lui portava. In compenso però c’era una casa in Via dei Servi assai bellina che non mi sarebbe dispiaciuto comprasse. Gli raccomandai però di guardarla con attenzione prima di concludere l’affare perché “i danari non si truovon per le strade” e i danari si sa, alla fine erano sempre i miei.

A seguire vi riporto la lettera integrale che scrissi al mi nipote Lionardo alla fine dell’aprile del 1547.

Roma, 29 aprile del 1547

Lionardo, la casa della via de’ Martegli non mi piace, perché non mi pare che sia strada da noi.

Quella dell’Arte della lana nella via de’ Servi, poi che v’è buon sodo, se è al proposito di stanze e d’altro, pigliatela e avisatemi de’ danari che vi mancano, e io subito ve gli farò pagare.

Ma abiate cura di non esser facti fare che questo romore del volere comperare una casa non facci l’incanto artifitioso. A me parrebbe di vederla, cioè che voi la vedessi prima molto bene, e informarsi della valuta e quando vedessi che ‘l prezzo non fussi g[i]usto, lasciarla a chi la vuole; perché i danari non si truovon per le strade.

Pure, come ò decto, io vi manderò i danari che mancheranno, e dovi libera commessione di torla e non la torre, come a voi pare. Altro non m’acade. Avisatemi quello arete facto.A dì venti nove aprile.Io non dico, circa la compera, che e’ s’abbi a guardare in dieci scudi, ma in una cosa disonesta.Michelagniolo Buonarroti in Roma.A Lionardo di Buonarroto Simoni in Firenze.

Annunci

Per il momento il sempre vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

1 dicembre 1521: i 500 anni dalla morte di papa Leone X de’ Medici

Oggi 1 dicembre si celebrano i 500 anni dalla morte di papa Leone X, il primo pontefice della potente casata Medici,  al secolo Giovanni di Lorenzo de’ Medici.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: