Vai al contenuto

25 settembre 1595: a Ponte Vecchio arrivano gli orafi

Ponte Vecchio è uno dei simboli della città di Firenze. Attraversato da migliaia di persone ogni anno, fu progettato da Taddeo Gaddi nel 1345. È noto e apprezzato in tutto il mondo per il suo inconfondibile aspetto con gli edifici costruiti sopra le tre arcate ma anche perché proprio lì sopra, da secoli, sono presenti le più prestigiose e antiche botteghe orafe della città.

Gli orefici su Ponte Vecchio arrivarono grazie a un provvedimento emanato il 25 settembre del 1595 che mirava a migliorare notevolmente il decoro Ponte Vecchio. Partiamo però dall’inizio: vi racconto per filo e per segno tutta questa interessante storia.

Annunci

Nel 1593, il granduca Ferdinando I, figliolo di Cosimo I, con un decreto fa sloggiare tutti i commercianti che fino ad allora proponevano la sua mercanzia nei locali costruiti sopra Ponte Vecchio. Erano perlopiù macellai, qualche pesciaiolo e pochi verdurai che da quando il ponte nuovo del Gaddi era stato edificato, avevano scelto di insediarsi sopra le tre arcate del ponte.

Star lì era parecchio comodo per loro: potevano buttare gli scarti in Arno e liberarsi così da inutili ingombri. Il ponte fin da subito era diventato un luogo assai frequentato da chi andava a comprare mercanzia. Non si presentava certo come lo vediamo oggi, ben tenuto e considerato un luogo raffinato.

Annunci

Provate solo a immaginare l’odore che usciva dalle botteghe dei macellai quando ancora i frigoriferi non esistevano. Se in inverno la situazione era quantomeno tollerabile, in estate, con il calore, la puzza diventava irrespirabile per qualsiasi cristiano.

I beccai con le loro carni macellate si muovevano fra nugoli di mosche affamate cercando di scacciarle alla meno peggio. Insomma, non era certo un bel biglietto da visita per una Firenze che poco a poco stava acquisendo sempre più potere e prestigio.

Così Ferdinando I, volendo trasformare Ponte Vecchio in un passaggio molto più elitario, il 25 settembre 1595 decise che da lì i beccai e gli altri bottegai avrebbero dovuto andarsene per lasciar posto alle botteghe orafe.

Annunci

Dopo la conquista di Siena e la nascita del Granducato, Firenze fu sottoposta a importanti modifiche dal punto di vista urbanistico. Nacquero gli Uffizi, Palazzo Vecchio fu ingrandito e Palazzo Pitti divenne la dimora del granduca.

Al mio caro amico Giorgio Vasari fu commissionata la realizzazione del Corridoio che univa e unisce tutt’oggi Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti.

Annunci

Ferdinando I de’ Medici non poteva certo tollerare che gli ambienti del corridoio si riempissero dei miasmi delle botteghe dei beccai. Non solo. Ponte Vecchio era diventato un punto centrale di passaggio e il Granduca voleva trarne maggior profitto.

Era dunque meglio affittare gli spazi a disposizione a chi avrebbe potuto permettersi di pagare una pigione nettamente più alta: cosa che gli orafi e gli argentieri potevano fare benissimo visto i lauti incassi derivati dal commercio dei preziosi.

Annunci

La decisione messa nero su bianco il 25 di settembre di quel 1595 sarebbe divenuta effettiva entro il 1 maggio dell’anno successivo per dare modo a tutti i bottegai di cambiare zona in tempo utile.

A distanza di tanti secoli, ancora oggi le botteghe orafe e i gioiellieri espongono i loro gioielli in quelle vetrine e teche in legno che si affacciano su Ponte Vecchio.

Il libro

Se siete alla ricerca di un interessante libro che vi racconti la storia di Ponte Vecchio, vi consiglio quello scritto da Marco Ferri e Dario Nardella che trovate QUA. Buona lettura.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

25 September 1595: goldsmiths arrive in Ponte Vecchio

Ponte Vecchio is one of the symbols of the city of Florence. Crossed by thousands of people every year, it was designed by Taddeo Gaddi in 1345. It is known and appreciated all over the world for its unmistakable appearance with the buildings built over the three arches but also because right above, for centuries, there are the most prestigious and ancient goldsmith shops in the city.

The goldsmiths on Ponte Vecchio arrived thanks to a provision issued on 25 September 1595 which aimed to significantly improve the Ponte Vecchio decoration. But let’s start from the beginning: I’ll tell you all this interesting story in detail.

In 1593, the Grand Duke Ferdinando I, son of Cosimo I, with a decree displaced all the traders who until then had offered his wares in the premises built above the Ponte Vecchio. They were mostly butchers, a few fishmongers and a few greengrocers who, since the new Gaddi bridge had been built, had chosen to settle over the three arches of the bridge.

Staying there was very convenient for them: they could throw the scraps into the Arno and thus free themselves from useless clutter. The bridge immediately became a very popular place for those who went to buy merchandise. It certainly did not appear as we see it today, well kept and considered a refined place.

Just try to imagine the smell that came out of butchers’ shops when refrigerators did not yet exist. If in winter the situation was at least tolerable, in summer, with the heat, the stench became unbreathable for any Christian.

The butchers with their butchered meats moved among swarms of hungry flies trying to chase them away as best they could. In short, it was certainly not a good business card for a Florence that was gradually acquiring more and more power and prestige.

Thus Ferdinand I, wishing to transform Ponte Vecchio into a much more elitist passage, on 25 September 1595 decided that the butchers and other shopkeepers would have to leave from there to make way for the goldsmith shops.

After the conquest of Siena and the birth of the Grand Duchy, Florence underwent major changes from the urban point of view. The Uffizi was born, Palazzo Vecchio was enlarged and Palazzo Pitti became the residence of the Grand Duke. My dear friend Giorgio Vasari was commissioned to build the Corridor that united and still unites Palazzo Vecchio with Palazzo Pitti.

Ferdinando I de ‘Medici certainly could not tolerate the corridor rooms being filled with the miasma of the butcher’s shops. Not only. Ponte Vecchio had become a central point of passage and the Grand Duke wanted to profit more from it. It was therefore better to rent the space available to those who could afford to pay a much higher rent: something that goldsmiths and silversmiths could do very well given the hefty proceeds from the trade in precious metals.

The decision put in black and white on September 25 of that 1595 would become effective by May 1 of the following year to allow all shopkeepers to change area in good time.

After so many centuries, still today the goldsmith shops and jewelers display their jewels in those wooden showcases and cases that overlook the Ponte Vecchio.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Quando si pensò di mettere il David nella Cappella dei Principi

🇮🇹Sapete che ci fu un momento in cui il David rischiò di essere posto al centro della Cappella dei Principi? Uno smacco per me e pure per i Medici… vi racconto quell’incredibile storia
🇬🇧Do you know that there was a moment when the David risked being placed in the center of the Chapel of the Princes? A setback for me and also for the Medici … I’ll tell you that incredible story

Il Commesso Fiorentino: la storia e le caratteristiche di quest’antica arte

🇮🇹Sembra impossibile che le pietre possano essere adoperate per creare decorazioni così minute e di grande effetto eppure il commesso fiorentino è una sorta di pittura con pietre dure: qualcosa di unico e un vanto tutto fiorentino…
🇬🇧It seems impossible that stones can be used to create such minute and impressive decorations, yet the Florentine salesman is a kind of painting with semi-precious stones: something unique and a Florentine pride…

Un’aspra biografia ma ricca di lodi: il Michaelis Angeli Vita

🇮🇹Quado avevo poco più di cinquant’anni ed ero impegnato in quel di Firenze con il progetto della Sagrestia Nuova, Paolo Giovio, un assai colto vescovo di Como, si mise a scrivere una biografia su di me: il Michaelis Angeli Vita: una biografia aspra…
🇬🇧When I was just over fifty years old and was engaged in that of Florence with the project of the New Sacristy, Paolo Giovio, a highly educated bishop of Como, began to write a biography about me: the Michaelis Angeli Vita: a harsh biography …

Palazzo Davanzati: riapre rinnovato e arricchito

🇮🇹Ci sono voluti sei mesi di lavoro per riaprire al pubblico il Museo di Casa Davanzati ma oggi finalmente torna ad accogliere i visitatori con un riallestimento completamente rinnovato, arricchito…
🇬🇧It took six months of work to reopen the Casa Davanzati Museum to the public but today it finally returns to welcome visitors with a completely renovated, enriched rearrangement…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: