Vai al contenuto

La porta con le insegne papali

E’ strana la legge non scritta del web. Mi spiego meglio. Se propongo di segni di corpi e teste hanno sempre un gran riscontro e vengono molto letti mentre se vi racconto disegni architettonici, è quasi certo che il post verrà letto molto meno.

Mi dispiace questa cosa perché fra i disegni architettonici ce ne sono alcuni mirabili che vale la pena conoscere nel dettaglio. Ecco, oggi voglio proporvi questo che vedete a seguire che riguarda una porta caratterizzata dalla presenza dalle insegne papali sopra il frontone.

Non è una porta qualsiasi ma è lo studio per la porta d’accesso alla Biblioteca Medicea Laurenziana. Se vi è capitato di vederla dal vero com’è oggi o di osservarla in foto, sicuramente non avrete visto lo stemma. No, nessuno lo rubò ma non venne mai realizzato dall’Ammannati a cui Cosimo I affidò il compito di portare a termine il progetto mentre ero a Roma.

Verso

Lo studio della porta che separa il vestibolo dalla sala di lettura della Biblioteca, riguardano sia il recto che il verso. La datazione di questo foglio non è poi così complicata da fare. Pensate che la progettazione della Biblioteca Medicea Laurenziana mi fu commissionata dall’allora cardinale Giulio de’ Medici che venne poi fatto papa nel novembre 1523, assumendo il nome di papa Clemente VII.

Quindi, essendoci qua le insegne papali, ovviamente il cardinale aveva già fatto il salto di qualità quando misi mano a questi disegni. Non solo, nell’aprile del 1526, Giovan Francesco Fattucci, il canonico del duomo fiorentino, mi scrisse una lettera nella quale mi ringraziava per avuto il disegno di una porta.

La porta però venne eseguita qualche anno dopo, ovvero non prima dell’agosto del 1533 e le insegne papali non vennero realizzate così come sarebbe piaciuto a me. Papa Clemente VII morì l’anno successivo.

Il recto e il verso sono studi preparatori per un disegno a penna e inchiostro finito che poi presentai al papa che oggi appartiene alle collezioni di Casa Buonarroti.

A proposito, il foglio di cui vi ho parlato adesso è del British Museum.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti e curiosità

verso

The door with the papal insignia

The unwritten law of the web is strange. I’ll explain. If I propose signs of bodies and heads, they are always very well received and read a lot, while if I tell you about architectural drawings, it is almost certain that the post will be read much less.

I am sorry this thing because among the architectural drawings there are some admirable ones that are worth knowing in detail. Here, today I want to propose to you this that you see to follow that regards a door characterized by the presence from the papal insignia above the pediment.

It is not just any door but it is the study for the gateway to the Biblioteca Medicea Laurenziana. If you happened to see it from life as it is today or to look at it in photos, surely you haven’t seen the emblem. No, no one stole it but it was never made by Ammannati to whom Cosimo I entrusted with the task of completing the project while I was in Rome.

The study of the door that separates the vestibule from the reading room of the Library, concerns both the recto and the verso. The dating of this sheet is not so complicated to do. Consider that the design of the Laurentian Library was commissioned by the then cardinal Giulio de ‘Medici who was later made pope in November 1523, taking the name of Pope Clement VII.

Thus, as the papal insignia are here, obviously the cardinal had already made the leap in quality when I put these drawings to work. Not only that, in April 1526, Giovan Francesco Fattucci, the canon of the Florentine cathedral, wrote me a letter in which he thanked me for having the design of a door.

The door, however, was executed a few years later, that is not before August 1533 and the papal insignia were not made as I would have liked. Pope Clement VII died the following year.

The recto and the verso are preparatory studies for a drawing in pen and finished ink which I then presented to the pope who today belongs to the Casa Buonarroti collections.

By the way, the paper I told you about now is from the British Museum.

Your always Michelangelo Buonarroti with his stories and curiosities

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: